No menu items!
24.2 C
Milano

Allungare la vita alle batterie? Ci siamo quasi

Più letti

Allungare la vita alle batterie? Una domanda che ci facciamo spesso.

Se fino ad oggi le batterie agli ioni di litio sono le migliori dal punto di vista costo/prestazioni non lo sono abbastanza per quanto riguarda la durata.

Parliamo di un handicap che una volta superato porterebbe a risultati molto vantaggiosi. Diversi ricercatori stanno orientando i loro sforzi in questa direzione e tra le soluzioni più promettenti ci sono le batterie a metallo liquido.

Allungare la vita alle batterie è un progetto portato avanti dal team del professor Donald Sadoway del Massachusetts Institute of Technology dove, al contrario delle batterie tradizionali, elettrodi ed elettroliti sono allo stato liquido. Avendo densità diverse i liquidi non si mescolano tra di loro.

Allungare la vita alle batterie, ci siamo quasi

Al momento le batterie a metallo liquido sono ancora in fase di perfezionamento e probabilmente non passerà molto tempo prima che arrivino sul mercato. La fondazione della startup Ambri da parte del team del professor Sadoway, finanziata da Bill Gates e dalla francese Total, avvalora questa ipotesi.

I vantaggi di questa tecnologia sono molteplici e non trascurabili. Innanzitutto non essendo i componenti liquidi soggetti a degrado la vita di queste batterie sarebbe molto lunga, si stima fino a 15 anni con una resa costante nel tempo. Ciò si tradurrebbe in un minore impatto ambientale. Inoltre si abbatterebbero i costi di produzione perché gli elementi usati (magnesio e antimonio) sono più disponibili e meno costosi rispetto ai costituenti delle batterie Li-Ion.

Lo svantaggio principale per il momento riguarderebbe il loro utilizzo che, per come sono state progettate, non sarebbero utilizzabili sui veicoli a motore. Le batterie a metallo liquido sono infatti destinate all’immagazzinamento di energia nelle centrali fotovoltaiche ed eoliche.

allungare vita batterie
allungare vita batterie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime