No menu items!
4.1 C
Milano

CO2 Battery, il sistema di stoccaggio energetico della startup Energy Dome

Più letti

E’ stato recentemente installato in Sardegna dalla startup Energy Dome il primo impianto CO2 Battery, il sistema grazie al quale viene accumulata energia a lunga durata e su larga scala attraverso un processo termodinamico con cui la CO2 viene portata allo stato liquido.

La CO2 Battery può funzionare in due modi: assorbendo potenza dalla rete (modalità di carica) oppure restituendo potenza alla rete (modalità di scarica). Nel primo caso la CO2 viene prelevata da un gasometro atmosferico chiamato Dome e compressa in un compressore interrefrigerato. Il processo genera calore che viene immagazzinato e la CO2 condensata e conservata sotto pressione in forma liquida.

Nel secondo caso la CO2 liquida viene evaporata e riscaldata col calore immagazzinato nel processo precedente. Il gas si espande quindi in una turbina riscaldata che restituisce energia alla rete senza andare disperso nell’atmosfera, rimanendo invece immagazzinato nella cupola a temperatura e pressione ambiente.

CO2 Battery: i vantaggi

Come illustrato da Claudio Spadacini, fondatore e CEO di Energy Dome, i vantaggi della CO2 Battery sono molteplici: “Possiamo fornire una risposta alla questione più urgente del nostro tempo: il cambiamento climatico. La nostra tecnologia rivoluzionaria è ora disponibile in commercio per rendere conveniente l’energia rinnovabile distribuibile su scala globale”.

La CO2 Battery può essere installata rapidamente in qualunque parte del mondo a costi contenuti utilizzando apparecchiature standard già esistenti in commercio. L’impianto da 2,5 MW di potenza e 4 MWh di capacità installato in Sardegna ha dato prova dell’efficienza del sistema. Seguirà la realizzazione di un impianto su larga scala da 20 MW e 200 MWh.

CO2 Battery- Energy Dome
CO2 Battery- Energy Dome

Le ultime