No menu items!
12.2 C
Milano

Riscaldamento a tutta “gallara”?

Più letti

L’espressione magari ricorda anche a voi un film degli anni ’80. Quel celebre Vacanze di Natale che ci ha regalato tante perle, tra cui quella dei riscaldamento a tutta gallara, o callara ci dicono da Roma. Ad ogni modo, al massimo.

Ecco, questa abitudine, ancora presente in tante case ha una serie di controindicazioni che vanno dalla sfera micro, personale o famigliare, a quella macro.

Partiamo da un dato: esiste una legge che stabilisce la temperatura massima che si può avere in casa. Lasciare i termosifoni al massimo quando non necessario, non solo quindi è contro la legge, ma è anche un modo “invisibile” di inquinare.

Il concetto è di per sé semplice da capire: più caldi sono i caloriferi, più si consuma. Il consumo del “carburante” necessario a far funzionare la caldaia, centralizzata o autonoma, corrisponde ad una maggiore quantità di sostanze inquinanti immesse nell’aria.

Chi ha il riscaldamento autonomo, quella caldaia spesso fuori dal balcone, magari non si accorge, ma il concetto è uguale, in proporzione, a quello che potete vedere girando la città ed alzando lo sguardo sui tetti. Quel fumo che esce dai camini è, quasi sempre, un aumento dell’inquinamento atmosferico.

A questo ci pare giusto aggiungere un altro dato: più fa caldo, più si consuma, più si spende. Nessuno vuole farvi i conti in tasca, ma…

E’ quindi opportuno che ciascuno di noi contribuisca in modo semplice, ma utilissimo, regolando i propri caloriferi affinchè in casa ci sia la temperatura giusta. Che poi diciamolo, troppo caldo fa anche male.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime